CENNI STORICI

Sebbene il primo spaniel trasportato nel nord America era a bordo della Mayflower partita da Plymouth nel 1620 per vedere i precursori del cocker americano dobbiamo aspettare la fine del XIX secolo. L’inglese James Farrow allevava cani dal 1870 ed era proprietario del famoso cocker spaniel inglese Obo. L’allevatore JP Willey di Salmon Falls nel New Hampshire, fece vanamente una grossa offerta d’acquisto ma tuttavia riuscì ad ottenere la femmina Chloe II, accoppiata appunto con Obo e portata negli Stati Uniti. Nacquero i due maschi Obo II e Black Silk e la femmina Black Gem; ma fu Obo II il padre del Cocker Americano, anche se era diverso da quelli attuali. Quando morì nel 1895 fu sepolto nella proprietà di Salmon Falls, la sua tomba si trova ancora oggi dietro una scuola elementare, ed è stata dichiarata monumento storico. Da quel momento si iniziò a pensare a una razza americana, fondando nel 1881 l’ American Spaniel Club. Il Cocker Americano è il più piccolo degli Spaniel e il suo nome deriva da “woodcock” ossia Beccaccia, il tipo di selvaggina su cui venivano utilizzati gli Spaniel.

CARATTERISTICHE 

Il Cocker Americano si differenzia dal cugino Inglese non solo per la validità per la caccia, infatti il Cocker Americano a causa del pelo lungo è inadatto in caso di rovi, spine e cespugli in cui ci si imbatte quando si va a caccia, per questo motivo è diventato un cane da compagnia anche se in fondo gli istinti del cacciatore sono sempre vigili. Il Cocker Americano è il più piccolo dei cani da caccia, ha una testa ben cesellata ed elegante, un muso ampio e profondo con una canna nasale corta ma sempre proporzionata al resto del cranio e del corpo, la dentatura deve essere completa e con la chiusura a forbice. Il collo è lungo ed elegante e non deve avere giogaia. Il corpo è robusto e compatto con un torace profondo e ben cerchiato (simile a una botte), gli arti hanno una forte ossatura e muscolatura, la spalla forma un angolo di circa 90°, il posteriore è ben arrotondato e muscoloso; grazie a questi pregi il movimento è fluido ed elegante con un ottimo allungo nell’anteriore e una forte spinta del posteriore. La coda è integra e in movimento deve essere portata allegra. Il pelo è liscio e setoso, i colori possono essere solidi (nero, biondo,nero focato, cioccolato, cioccolato focato; è ammessa la presenza di una piccola macchia bianca sul petto o sulla gola) oppure particolor (due o tre tinte unite che devono essere ben definite; il colore principale non deve superare il 90% della superficie corporea). L’altezza ideale per i maschi è 38,10cm al garrese mentre nelle femmine è 35,56cm al garrese.


CARATTERE

Il Cocker Americano ha un carattere molto allegro e gioviale, è molto legato alla famiglia e ai bambini. Certe volte mi sento dire che il cocker rosso era cattivo e mordeva tutti, purtroppo è vero, ma si trattava del Cocker Inglese che negli anni sessanta era di moda in tutta Europa; alcuni personaggi non hanno avuto scrupoli ad accoppiare Cocker fulvi tra fratelli e sorelle oppure padri con figlie solo per un loro tornaconto economico causando seri problemi caratteriali e di salute perché non avevano fatto una selezione. Grazie ad allevatori seri che hanno saputo prendere le redini della situazione al giorno d’oggi abbiamo Cocker controllati geneticamente e caratterialmente. Il Cocker Americano è amico di tutte le persone e amante dei giochi, ricordiamoci che comunque è un cane da riporto e si diverte molto con il lancio della palla. Il Cocker Americano è adatto a tutte le famiglie, ai bambini e agli anziani; bisogna però ricordarsi che è sempre un cane e soprattutto in una famiglia con bambini bisogna educare sia il cucciolo a quattro zampe che quello a due; è normale che se un bambino gli tira il pelo lui si arrabbia, non ci arrabbiavamo forse anche noi quando ci tiravano i capelli? .


CURA E MANUTENZIONE

Anche se il Cocker Americano è ormai un cane da compagnia dobbiamo ricordarci che una bella passeggiata rigenera sempre tutti, lui compreso. Per quanto riguarda la manutenzione del pelo bisogna capire le proprie esigenze; se ho un Cocker Americano da esposizione devo tenerlo sempre spazzolato e snodato, un bagno alla settimana non fa mai male a nessuno ( non è vero che i cani si devono lavare 1 o massimo 2 volte l’anno!) naturalmente anche la toelettatura da esposizione è molto importante e non semplice per un profano, informatevi sui toelettatori che sanno veramente fare quella del Cocker Americano, tanto alla fine il risultato si vede. Se invece una persona desidera avere un Cocker Americano ma giustamente non se la sente di tenerlo con il pelo sino a terra io consiglio di fare un “taglio tattico” dove non è necessario tosarlo a zero come una pecora, ma fare una toelettatura più corta (tipo cucciolo) ma dove si capisce benissimo che quello è un Cocker Americano non un povero agnellino.






STANDARD DI RAZZA

FCI Standard N° 167 / 22.01.1999

 COCKER AMERICANO ORIGINE: U.S.A.

 DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 17.05.1993 

UTILIZZAZIONE: Cane da cerca e da compagnia CLASSIFICAZIONE F.C.I.: Gruppo 8 Cani da riporto – Cani da cerca Cani da acqua Sezione 2 Cani da cerca Senza prova di lavoro

 ASPETTO GENERALE Il Cocker Americano è il più piccolo dei cani da caccia. Ha un corpo robusto, compatto e una testa nettamente cesellata e raffinata; tutto il cane è perfettamente equilibrato e di una taglia ideale. Ben sostenuto alle spalle, su arti diritti, ha la linea superiore leggermente inclinata verso il posteriore che è moderatamente angolato e muscoloso. E’ un cane capace di considerevole velocità, unita a grande resistenza. Soprattutto, deve essere libero e allegro, sano, ben armonico e in azione deve mostrare un’appassionata inclinazione al lavoro. Un cane ben equilibrato in tutte le sue parti è più desiderabile di un cane con buone qualità ma forti difetti che le contrastano. PROPORZIONI IMPORTANTI • La distanza fra la punta dello sterno e quella della natica è leggermente superiore alla distanza fra il garrese e il suolo. Il corpo deve avere sufficiente lunghezza che permetta un passo diritto e libero; ma il cane non deve mai apparire lungo e basso. COMPORTAMENTO-CARATTERE Di temperamento costante, senza alcun segno di timidezza. TESTA per essere ben proporzionata, in armonia cioè col resto del corpo; deve presentare un’espressione intelligente, vivace, dolce e accattivante. REGIONE DEL CRANIO Cranio arrotondato ma non esageratamente, con nessuna tendenza all’appiattimento; le sopracciglia sono nettamente definite. La struttura ossea sotto gli occhi è ben cesellata Stop pronunciato REGIONE DEL MUSO Tartufo di misura sufficiente da risultare proporzionato al muso e alla canna nasale, con narici ben sviluppate, tipiche di un cane da lavoro. E’ di colore nero nei cani neri, nero-focati e nei neri e bianchi. Nei cani di altri colori può essere marrone, fegato o nero, il più scuro possibile. Il colore del tartufo armonizza con quello delle rime palpebrali Muso ampio e profondo. Per essere giustamente proporzionato, la distanza fra lo stop e la punta del tartufo deve essere uguale alla metà della distanza fra lo stop e l’occipite Labbra il labbro superiore è pieno e di sufficiente profondità da ricoprire la mascella inferiore Mascelle quadrate e di uguale lunghezza Denti forti e sani, non troppo piccoli. Chiusura a forbice Guance non prominenti Occhi globo oculare rotondo e pieno, sguardo diretto in avanti. La forma delle rime palpebrali ha un aspetto leggermente a mandorla; l’occhio non è debole o sporgente. Il colore dell’iride è marrone scuro e in generale si ricerca l’occhio il più scuro possibile. Orecchi a lobo, lunghi, di cartilagine sottile, ben coperti di frange e inseriti non più in alto della parte inferiore dell’occhio COLLO sufficientemente lungo da permettere al tartufo di raggiungere facilmente il terreno; muscoloso e privo di pendula pelle rilasciata. Esce con forza dalle spalle e s’inarca leggermente mentre si restringe per congiungersi alla testa. CORPO Linea dorsale discende leggermente verso il posteriore muscoloso. Dorso forte, scende leggermente e regolarmente dalle spalle fino all’inserzione della coda tagliata. Torace profondo, il suo punto più basso non è più in alto dei gomiti, la sua parte anteriore è sufficientemente ampia per lasciare spazio al cuore a ai polmoni, e tuttavia non è così ampio da essere d’impaccio al movimento diritto in avanti dell’arto anteriore. Le costole sono profonde e ben cerchiate CODA la coda tagliata è inserita e portata sul prolungamento della linea superiore del dorso, o leggermente più alto, mai diritta come un terrier e mai tanto bassa da indicare timidezza. Quando il cane si muove, il movimento della coda è allegro ARTI ANTERIORI arti paralleli, diritti, con forte ossatura, muscolosi e disposti contro il corpo ben sotto le scapole. Spalla ben oblique, formano un angolo col braccio di circa 90°, il che permette al cane di muovere facilmente in avanti i suoi arti anteriori. Le spalle 2 hanno un disegno pulito, sono oblique senza rigonfiamenti e poste in modo che le punte più alte del garrese offrono un’inclinazione tale da permettere un’ampia cerchiatura delle costole. Gomiti: se visti di lato, in stazione, i gomiti sono sulla stessa linea perpendicolare che scende dalla punta più alta della scapola. Metacarpi corti e forti. Gli speroni sugli anteriori possono essere rimossi POSTERIORI visti da dietro, sono paralleli, in movimento e a riposo. Hanno forte ossatura e sono muscolosi. Anche ampie; il posteriore ben arrotondato e muscoloso. Cosce potenti e nettamente delineate. Ginocchio moderata l’angolazione del ginocchio, che è forte e non deve avere cedimenti né in movimento né da fermo. Garretti forti e ben discesi; gli speroni sui posteriori possono essere rimossi PIEDI compatti, larghi, rotondi e fermi con cuscinetti duri come il corno. Non deviano in fuori né in dentro ANDATURA Il Cocker Americano, sebbene sia il più piccolo dei cani da caccia, possiede l’andatura tipica del cane da lavoro. Indispensabile al buon movimento è l’equilibrio fra l’anteriore e il posteriore. Imprime spinta con forte, potente posteriore ed è correttamente costruito nelle spalle e negli anteriori in modo d’avere un allungo sciolto, con un passo che controbilanci la spinta del posteriore. Soprattutto, il suo movimento è coordinato, liscio e senza sforzo. Il cane deve ricoprire terreno col suo passo; un’eccessiva animazione non deve essere scambiata per andatura corretta. MANTELLO PELO:sul capo corto e sottile. Sul corpo, di media lunghezza, con abbastanza sottopelo da dare protezione. Gli orecchi, petto, addome e arti sono ricoperti di frange, però non così abbondanti da nascondere i profili e il movimento propri del Cocker Spaniel, o alterare l’aspetto e la funzione di un cane da lavoro moderatamente fornito di pelo. La tessitura è molto importante. Il pelo è serico, liscio o lievemente ondulato e di una tessitura che permette una facile manutenzione. Penalizzare severamente il pelo troppo abbondante, riccio o cotonoso. L’uso di macchinette elettriche per tosare il pelo del dorso non è desiderabile. Una toelettatura per mettere in risalto le reali linee del cane deve essere fatta in modo da farlo apparire il più naturale possibile. COLORE : • Nero – unicamente nero, oppure manto nero con focature . Il nero dovrebbe essere un nero corvino; ombreggiature marroni o fegato nel mantello non sono desiderabili. Una piccola macchia bianca sul petto e/o gola è ammessa; il bianco in qualsiasi altra parte del corpo comporta squalifica. 3 • Altra tinta unita diversa dal nero (ASCOB) Qualsiasi tinta unita tranne il nero, che va dal crema più pallido al rosso più acceso, inclusi marrone e marrone focato. Il colore deve essere di una sfumatura uniforme, ma è permesso un colore più chiaro nelle frange. Una piccola macchia bianca sul petto e/o gola è permessa. Il bianco in qualsiasi altra parte comporta squalifica. • Multicolore: due o più tinte unite, ben definite una delle quali deve essere il bianco; nero e bianco, rosso e bianco (il rosso può andare dal crema più pallido al rosso più scuro) marrone e bianco, e i roani, includendo ogni combinazione di questi colori con punti focati. È preferibile che le focature siano distribuite nello stesso modo di quelle nella varietà Nero e ASCOB. I roani vengono classificati come Multicolori e possono essere di qualsiasi tipo di roano. Il colore principale che si estende fino al 90% e oltre della superficie corporea sarà causa di squalifica • FOCATURE: le focature hanno un colore che può variare dal crema più chiaro al rosso più scuro ed è limitato al 10%, o meno, del mantello; se in più saranno motivo di squalifica. Nei Neri o ASCOB, le focature saranno dislocate come segue: 1) Una chiara macchia sopra ciascun occhio 2) Ai lati del muso e sulle guance 3) Sulla parte interna degli orecchi 4) Sui quattro piedi e/o sulle quattro zampe 5) Sotto la coda 6) Sul petto, facoltativo: ci siano o meno non vengono penalizzate Le focature che non sono nettamente visibili o che sono appena accennate, sono da penalizzare. Focature sul muso che si estendono in alto, sopra, o che siano in continuità vanno pure penalizzate. L’assenza di focature nei Neri e ASCOB, in una qualsiasi delle zone precitate in un cane per altro focato, comporterà squalifica. TAGLIA Altezza: Ideale: Maschi 38,10 cm Femmine 35,56 cm - la variazione ammessa è di cm. 1,27 in più o in meno di quella ideale Se un cane supera questa altezza (Maschi: 39,37 – Femmine: 36,83) sarà squalificato. Un cane adulto, se sarà al di sotto ( Maschi: 36.83 – Femmine: 34,29) sarà penalizzato. L’altezza è determinata da una linea perpendicolare al suolo che parte dalla punta della scapola, con il cane naturalmente in stazione e tutti gli arti paralleli alla linea di misurazione. DIFETTI: Qualsiasi deviazione da quanto sopra va considerato come difetto, che dovrà essere penalizzato secondo la sua gravità. DIFETTI DA SQUALIFICA • Colori e macchie nel manto: i sopra citati sono i soli accettabili colori o combinazioni di colori. Qualsiasi altro colore, o combinazione di colori, comporterà squalifica 4 • Neri: macchie bianche tranne che sul petto e gola • ASCOB: macchie bianche eccetto che sul petto e gola • Multicolori: il colore primario 90% o più • Focature: 1) focature superiori al 10% 2) assenza di focature nei Neri o ASCOB in una qualsiasi delle zone precitate in un cane per altro focato • Altezza: Maschi sopra 39,37 cm. “ Femmine “ 36,83 cm N.B. I maschi devono avere due testicoli apparentemente normali completamente discesi nello scroto.